Disclaimer

Disclaimer:



Il contenuto di questo sito è di proprietà esclusiva di Francesco Checcacci. Tutto il contenuto può essere utilizzato ma è obbligatorio citare la fonte.
I punti di vista espressi sono dell'autore e non riflettono opinioni di organizzazioni di cui l'autore stesso potrebbe far parte.







The content of this website is the exclusive property of Francesco Checcacci. All content can be utilised as long as the source is referenced. The opinions expressed are the author's own and do not reflect views of organisations with which the author maybe associated.



Friday, 16 September 2011

Napoleone, la leadership e i politici di oggi


Napoleone, per gestire al meglio il suo esercito, aveva diviso i soldati lungo due dimensioni.
La prima dimensione era la loro intelligenza, secondo la quale i soldati erano distinti tra intelligenti e stupidi.
La seconda dimensione considerava se il soggetto fosse attivo o pigro.
I soggetti intelligenti e attivi erano utilizzati come ufficiali.
Quelli intelligenti e pigri come generali, in quanto il generale ha bisogno di visione d’insieme e deve saper delegare: non può rischiare di non vedere la foresta per guardare l’albero.
I soggetti stupidi e pigri venivano utilizzati come soldati di fanteria, in quanto adatti a prendere ordini senza porsi domande (in passato si utilizzava l’efficace ma cruda espressione ‘carne da cannone’).
Coloro che erano stupidi e attivi, infine, erano attesi dal plotone d’esecuzione perché pericolosi.
Un corollario del famoso generale corso era che era meglio un generale stupido e pigro di uno attivo ed intelligente, dato cha la pigrizia impediva almeno di fare danni eccessivi. Un buon ufficiale promosso a generale, invece, rischiava di sprecare vite umane e perdere battaglie per la sua irruenza: non tutto si può infatti risolvere con una carica di cavalleria.
Guardando la classe politica della scena internazionale non sembra ci sia un grande sfoggio di capacità di leadership e visione d’insieme.
Potremmo dire che, in generale, i politici di oggi sono attivi; una minoranza, forse, potrebbe essere intelligente.

No comments:

Post a Comment